Tonnarelli di Campofilone con Pesto di Pomodorini Secchi e Mandorle Siciliane!

il

Buongiorno Amici! Oggi voglio parlarvi della pasta all’uovo: vi piace? A me tantissimo!

L’origine della pasta risale sicuramente alla Preistoria, quando i nostri antenati pestavano, macinavano e cuocevano in acqua i cereali per poi consumarli.

Gli arabi e gli etruschi sapevano cucinare le lasagne 😀 e ne XVI e XVII secolo si può già parlare di tagliatelle, fettuccine, pappardelle e gnocchi! :P, ancora più antica è l’origine dei ravioli. Cosa accomuna tutte queste paste? L’utilizzo delle uova nel loro impasto.

Oggi vi preparo una ricetta con i Tonnarelli di Campofilone del Pastificio Leonardo Carassai.

Campofile è un piccolo borgo delle Marche che vanta sia per il marchio IGP per i famosi Maccheroncini di Campofilone e sia per la tradizione della pasta all’uovo di Campofilone, che inizia secondo le leggende popolari  (parlate e scritte) fin dal 1400.

Il Pastificio Artigianale Leonardo Carassaiprosegue il cammino imprenditoriale della famiglia Carassai dal lontano 1850.

Il Pastificio nasce da un’esperienza pluriennale nel settore agro-alimentare che affonda le proprie radici nella tradizione e si manifesta in tutti gli aspetti dell’attività produttiva.

La qualità delle materie prime, la sicurezza alimentare dei prodotti, il ciclo di lavorazione naturale, la soddisfazione del cliente, sono l’espressione della politica qualitativa aziendale.

 

Il disegno a cui ho pensato per questa ricetta è questo:

pomodorinisecchi.png

 

La ricetta

Chef Difficoltà: Bassa

Cucina Ricetta per: 2 persone

Ricette Preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura  Cottura: 13-15 minuti

Ingredienti:

ingredienti

 

  • 200 gr di Tonnarelli di Campofilone del Pastificio Leonardo Carassai;
  • 10 pomodorini secchi;
  • un ciuffetto di finocchio selvatico;
  • 20 mandorle siciliane sbucciate (se non sono siciliane vanno benissimo ugualmente);
  • 30 pinoli;
  • olio extravergine di oliva q.b.;
  • sale q.b.

Procedimento:

Munitevi di un frullatore a immersione. Mettete a mollo per 5/10 minuti i pomodorini secchi in acqua calda. Poi scolateli e inseriteli e tagliateli a pezzetti. Frullateli insieme all’olio extravergine di oliva. Aggiungete mandorle e pinoli con un poco d’acqua. Frullate il tutto. Aggiungete il finocchio selvatico e ri-frullate. Il pesto è pronto.

Intanto cuocete i Tonnarelli di Campofilone del Pastificio Leonardo Carassai.

In una pentola versate un goccio d’olio extravergine di oliva e 4 cucchiai di pesto con un mestolo di acqua di cottura della pasta. Fate sciogliere il pesto.

Scolate i Tonnarelli e saltateli in padella insieme al pesto sciolto e se necessario aggiungete un goccio di acqua di cottura della pasta. Quando tutto sarà ben amalgamato, siete pronti per impiattare.

Buon appetito! 😛

Tonnarelli

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...